Archivio, Comunicati Stampa, Notizie Recenti, Primo Piano, Rifiuti, Salute, Sostenibilità Ambientale

La lezione del grande imprenditore

fascio di luce celeste che illumina il volto di andrea viero

La lezione del bravo imprenditore ci arriva oggi da Andrea Viero, condannato per ben due volte dalla Corte dei Conti per danno erariale, oggi Direttore Generale di Iren, 3 miliardi di debiti e l’orlo della bancarotta a poca distanza, eppure agli onori della cronaca.
Alla luce dei risultati dell’azienda, Viero è la classica figura che andrebbe rimossa per manifesta incapacità a portare la società fuori dalle sabbie mobili. Anche davanti agli evidenti stridori che continuano a provenire dal cantiere di Ugozzolo. Primo fra tutti le tariffe che i cittadini di Parma e di tutta la provincia saranno costretti a subire per i prossimi anni (e che hanno già subito negli anni passati). Tariffe fuori mercato, impossibili da raffrontare con gli altri territori dove smaltire una tonnellata di rifiuti costa 90 euro, 111, 120.
Oggi Parma Daily ha proposto la media regionale dei costi di smaltimento sbugiardando in diretta quanto sostenuto da Viero. Com’è possibile e credibile che a Parma costi così tanto smaltire i rifiuti? Oggi, in una situazione di mercato libero, che senso ha portare i rifiuti dove costano l’80% in più rispetto ad altri territori? Già a Bergamo hanno preso una giusta e drastica via, portare i rifiuti a Brescia, dove costa molto meno rispetto al loro territorio provinciale. Perché non adottare la stessa strategia?
Il Movimento 5 Stelle, oggi impegnato a districare la difficile situazione finanziaria del comune di Parma, rimane stupito di fronte al silenzio dei partiti davanti ad una situazione come questa. Noi vogliamo difendere il diritto dei cittadini a spendere il meno possibile per smaltire i loro rifiuti. Siamo colpiti dal fatto che nessun partito si esprima su questo passaggio fondamentale come il costo delle bollette, come se fosse dovuto non si sa bene a chi e perché. Noi vogliamo conoscere la verità fino in fondo.
E’ per questo che abbiamo chiesto l’intervento della magistratura, affinché si possa fare finalmente chiarezza sul progetto dell’inceneritore che, nonostante le rassicurazioni di Viero, Parma non vuole, avendone scoperto i costi ed avendo preso coscienza dei gradi rischi sanitari cui andiamo incontro, senza contare il danno che potrà causare ai marchi alimentari della nostra rinomata “Food Valley”.
Viero vuole rassicurarci dicendo che i dati delle emissioni saranno on line, “sul loro sito”. Chi si assicura che il flusso dei dati non venga ritoccato? Che ci siano tutte le sostanze emesse monitorate? L’Italia è piena di situazioni in cui anche le migliori garanzie si sono poi risolte in pesanti inquinamenti del territorio e delle persone e l’Ilva di Taranto dovrebbe ormai aver fatto comprendere a tutti che chi conduce certi impianti è pronto a negare perfino l’evidenza.
Ma l’atteggiamento di Iren è evidente quando chiede un risarcimento di 28 milioni pur sapendo di non aver ottenuto ne richiesto il permesso a costruire, e in questo caso non si capisce come mai il comune di Parma (gestione Ciclosi) non abbia fatto appello al Consiglio di Stato di fronte ad una sentenza assurda del Tar.Iren vuole succhiare fino in fondo tutta la polpa di Parma, anche quando si sa che non ne è rimasta.
Scrive nero su bianco 51 euro di guadagno e poi di fronte all’evidenza il suo direttore smentisce che il dato fosse reale. Lo stesso Viero che sostiene equa la tariffa del 2008 (155 euro a tonnellata) pur sapendo che era fuori mercato, addossando poi ai cittadini il ristoro ambientale concordato con i comuni. Il piano economico finanziario, che faceva parte dell’accordo di trasparenza sottoscritto da Iren nel 2006 davanti al consiglio comunale, non è mai stato mostrato.
Le poche pagine consegnate al Sindaco sono solo alcune slide senza dettaglio, impensabili come documento dal quale ottenere un finanziamento. L’unico accordo possibile tra Iren e Parma è quello di mettere in soffitta l’inceneritore e progettare una gestione più virtuosa dei nostri materiali di scarto.
Il rapporto con il territorio, già oggi molto teso, non potrà che peggiorare sensibilmente se Iren continuerà sulla sua strada senza tenere conto del clima cambiato di oggi. Non ha senso nemmeno sostenere che l’inceneritore serva al teleriscaldamento visto che a Reggio Emilia, anche senza inceneritore, si continuerà a fornire il servizio. Come mai il nominato da Graziano Delrio, Sindaco di Reggio, Andrea Viero, fa il pesce in barile e tace sul fatto che a Reggio Emilia con più rifiuti sono riusciti a costruire un sistema alternativo basato su raccolta differenziata, trattamento meccanico biologico e la “fabbrica dei materiali” ideata dall’assessore provinciale Mirko Tutino? Forse perché Viero proprio contro Tutino ha avuto un duro scontro?
Viero si rassegni: il Comune maggiormente rappresentativo della provincia di Parma, non vuole l’inceneritore e vuole avviare alternative virtuose.
L’inceneritore è una grande bufala, a cui nessuno crede più, nonostante le interviste virtuose. Ma forse tutto si spiega col fatto che in realtà Viero è uomo del Pd, inserito appositamente per collocare sulle giuste poltrone le giuste persone. Forse tutto si risolverebbe se guardassimo da una giusta angolazione, anche l’inceneritore.
E facessimo lo sforzo di gettare un po’ di luce su questa società così ramificata e inserita nei gangli della politica partitica.

MoVimento 5 Stelle
Gruppo Consiliare di Parma

6 Comments

  1. avatar Laura Tonino

    Avete fatto bene a citare l’Ilva. Ma non credo che abbiate imparato qualcosa da questa vicenda.
    A Taranto non sono bastati i comunicati, non sono bastate le denunce delle associazioni ambientalistiche, e non sono bastati neppure i pescatori, che hanno raccolto i fanghi degli scarichi dell’Ilva e li han portati a far analizzare. Riva ha pagato partiti, periti della procura, media.. ed ha ricattato gli operai della sua azienda. L’Ilva è stata chiusa da un gip con due palle grosse come cocomeri, mettendosi contro TUTTI, da Monti in giù, passando da Bersani, Alfano, Passera, Clini, e tutto il pasdaran in fila. Questi gip, si vanno a cercare.. non si gioca ad acchiappamosca con la procura.. Quindi cominciate davvero a intraprendere una strategia tenace, e d’attacco. QUESTO DISCORSINO SU VIERO, l’abbiamo letto in 4, PROVATE A FARLO SUL PALCO DI UNA PIAZZA DI 10 MILA PERSONE… e vedete che viene fuori!

    Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 7 Thumb down 1

  2. avatar Marco

    Spero davero che riusciate a tirare fuori qualcosa di più dal cilindro, mi rendo conto che non è colpa vostra se c’è sono questo problema dell’inceneritore, ma è responsabilità vostra fermarlo.
    Dovete segnare un punto, per adesso siete solo in area !

    Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 3 Thumb down 0

  3. avatar Guido

    Ben detto: il M5S parla ancora come prima della campagna elettorale. Chi è che governa questa città?!?

    Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 3 Thumb down 0

  4. avatar Laura Tonino

    Bene, siamo a due comunicati in pochi giorni. Bene..
    Adesso i fatti, la piazza, le carte in procura, ed un po’ di mine salate in consiglio comunale. Lo sapete che siete l’amministrazione comunale di Parma, o pensate ancora di essere fuori dal consiglio comunale, con i mano i comunicati stampa e basta? Se agite ora, con determinazione e sagacia, non c’è tar o giudice al mondo che darà ragione all’Iren, senza mobilitare una città.

    Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 3 Thumb down 2

    • avatar Laura Tonino

      Mi pare che da quando IREN, ha citato il comune per il fermo lavori del 2011, vi siate un po’ pisciati addosso. Credete davvero che una procura dia ragione ad un carrozzone simile, con 3 miliardi di euro di debito, un presidente che danneggia e danneggia l’erario, e con un inceneritore che lievita in costi, tempi, tariffe.. come la torre di babele? E’ arrivato il tempo, di tagliare la testa al toro, quindi SVEGLIA!

      Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 3 Thumb down 1

  5. avatar Mario

    Ma in campagna elettorale ci avete detto che il forno lo chiudevate, o sbaglio?

    Ti Piace o Non Ti Piace: Thumb up 3 Thumb down 0